Provincia di PISA
 
  Compagnia   IL BRUSCELLO



COMPAGNIA
denominazione IL BRUSCELLO
via Michelangelo, 30
comune Montopoli
cap 56020
provincia PI
rec. telefonici 0571.481891
fax
sito internet
mail serafinosoldani@interfree.it



LA COMPAGNIA
storia ed identità

Il gruppo storico-popolare Il Bruscello nasce nel 1979 come compagnia specializzata nel canto popolare, ovvero il "bruscello", su iniziativa di Serafino Soldani che da allora ad oggi ha scritto con continuità 13-14 bruscelli. Ricordiamo che si tratta di spettacoli in cui i dialoghi sono cantati su apposite musiche. Ad ad ogni bruscello seguono le canzoni della tradizione orale toscana (circa 30 nel repertorio della compagnia). La tradizione prevede che venga recitata una scenetta in vernacolo pisano dal titolo "'Na sera in casa der contadino Gersomino".

1981- 1° BRUSCELLO: "La battaglia di Castel del Bosco". Fatto storico. Lo scontro iniziò il 24.07.1222 alla frontiera tra Firenze e Pisa, nel paese di Montemorecci (oggi Castel del Bosco) per un diverbio avvenuto a Roma, in occasione dell'incoronazione dell’imperatore Federico Barbarossa. La contesa ha avuto luogo tra la delegazione pisana e quella fiorentina per un cagnolino trovato in casa del cardinale.

1982- 2° BRUSCELLO: "Isabella de’ Medici". Fatto storico. Isabella è la figlia della seconda moglie di Cosimo de’ Medici, data in sposa al granduca Paolo Giordano Orsini, un nobile romano, il quale, dopo pochi anni di matrimonio deve partire per le crociate lasciando la moglie in consegna al cugino Troilo. L'esuberante Troilo, pochi giorni dopo la partenza di Paolo Giordano, entra furtivamente in camera di Isabella e riesce a sedurla. Seguono momenti di grande dolore per la giovane donna, soprattutto quando si accorge di essere rimasta incinta. Tornato dalle crociate, Troilo scopre con l'inganno (si sostituisce a frate Marcellino nel confessionale) del misfatto avvenuto. La vendetta sarà tremenda: il 16 luglio 1575 Isabella viene impiccata nella villa di Cerreto Guidi, oggi museo nazionale. 

1984- 3° BRUSCELLO: "La battaglia di Marti". Fatto storico. La vicenda ha luogo verso la metà del 1300, quando una compagnia di ventura diretta da Pietro Farnese, assoldata dalla repubblica di Firenze, tenta di scalare le mura del castello. Le donne di Marti sono decisive per le sorti della battaglia. Quando i soldati di ventura nemici  stanno per salire sulle mura, le donne di Marti corrono sopra gli spalti del castello e gettano addosso agli invasori i bugni delle api che allevano in cima alla fortificazione.  Si sappia inoltre che il torrente Chiecina era il confine tra i due comuni terribilmente nemici: Montopoli (fiorentini) e Marti (pisani).

1986- 4° BRUSCELLO: "La discesa dei barbari". Questo è l’unico nostro bruscello che non ha una base storica ma è solo un fatto verosimile di ciò che poteva accadere quando le orde barbariche invadevano i nostri territori. Qui viene messo in risalto il valore di una giovane fanciulla, Silvia di Montalto, che assunse il comando della guarnigione al posto del padre ammalato, riuscendo a sconfiggere l’invasore.

1986- 5° BRUSCELLO: "Arunte l’etrusco traditore". Arunte era un ufficiale dell’esercito etrusco di Chiusi. Quando egli si accorse che la moglie lo tradiva con un suo superiore, per vendicarsi e punire il suo rivale pensò di tradire la sua patria invitando i Galli a saccheggiare Chiusi. L’esercito etrusco non si lasciò cogliere di sorpresa perché era riuscito a scoprire l’inganno tramato alle spalle dal proprio concittadino.1989- 6° BRUSCELLO: "Vita, passione e morte di nostro Signore Gesù Cristo". Questo bruscello è l'unico non composto da Serafino Soldani, tuttavia è stato lui a sentirlo cantare nel 1946 nella Val di Chiana aretina. Si diceva che l'autore fosse un sacerdote della bassa Val di Chiana.

1990- 7° BRUSCELLO: "I promessi sposi". La trama è quella dei "Promessi sposi" del Manzoni.

1991- 8° BRUSCELLO: "Segalavecchia strega". Satira comica sulla storia di una vecchia che avendo "il veleno in corpo" era cattiva e acida con tutti.

1992- 9° BRUSCELLO: "Monna Tessa e Calandrino". La storia è tratta da una novella del Decamerone di Boccaccio. Calandrino, colto egoista, riceve un'ingente eredità. Gli amici gli chiedono una cena ma lui, avaro, si rifiuta di offrirla. Questi usano l'astuzia e gli fanno credere che sia "pregno". Solo allora Calandrino si decide ad offrir loro il banchetto desiderato.

1993- 10° BRUSCELLO: "Pia de’ Tolomei". Pia è la figlia di una nobile famiglia senese, data in sposa a Nèllo, detto “della Pietra” perché così si chiamava il suo castello di Maremma (oggi sul confine dei comuni di Zavorrano e quello di Roccastrada). Quando Nèllo deve partire per la guerra, poiché i fiorentini hanno occupato Colle Val d’Elsa, lascia la moglie in consegna all’amico Ghino, il quale, poco tempo dopo tenta di insidiare la bella Pia. Tuttavia lei lo respinge malamente minacciando di avvisare Nèllo. Ghino, umiliato, giura a se stesso di calugnarla e riesce così a far credere a Nèllo della sua infedeltà e a farla rinchiudere nel castello di Maremma. Dopo sei mesi Pia giace morente per il dolore della punizione ingiustamente subita. Alla fine Ghino confessa all'amico la sua calugna; quest'ultimo corre da Pia, ma giunge in tempo per il suo funerale.

1993- 11° BRUSCELLO: "Chiara d’Assisi". Spettacolo incentrato sulla figura di questa Santa, sulla sua conversione e sulla conversione di S. Francesco. Questo bruscello è stato ritrovato nell’archivio storico di Firenze dal dott. Andrea Mancini. L'autore è un frate francescano: padre E. Nuti di Siena.

1998- 12° BRUSCELLO: "La bella Elvira". La vicenda ruota attorno ad un fatto tragico che ha avuto luogo nel giorno del Corpus Domini del 1947: l’assassinio di una bella fanciulla presso Toiano, nelle campagne di Palaia, avvenuto perché questa non volle aderire alle bramosie di un potente e prepotente signore.

2009 -  "Una sera in casa del contadino Gelsomino" scenetta comica di Serafino Soldani. Lo spaccato della vita quotidiana di un contadino alle prese con moglie e figli..... air max bw pas cher , louboutin femme pas cher , nike air max pas cher , nike air max pas cher , borse louis vuitton , Their latest watch is simply http://www.attrinity.com titled The Skull, and it’s limited to 50 pieces In green and 25 in red. We suspect any attempt to go with another name replica watches uk (cough-Iron Man-cough) would have had Marvel’s lawyers knocking on their door. But no one would argue with how downright http://www.waxwatchreplicas.co.uk/replica-breitling-watches-sale-for-uk.html awesome this giant, 51mm watch looks. Just look at it.

   

  PER UNA PIU' ESAURIENTE CONSULTAZIONE DEGLI SPETTACOLI RIMANDIAMO AL SITO WEB:
  
   
   
REFERENTE 1
denominazione Serafino Soldani
qualifica autore e regista
via Michelangelo, 30
comune Montopoli
cap 56020
provincia PI
rec. telefonici 0571.481891
fax
mail serafinosoldani@interfree.it
REFERENTE 2
denominazione MAURIZIO MANCINI -
qualifica
via
comune
cap 0
provincia PI
rec. telefonici 348 7302159 - 0571 447033
fax
mail mancinimaurizio@alice.it
     Affiliazioni: TAI

ottimizzato per 800x600 / 1024x768 - COLORI 65.536 - copyright Pupi e Fresedde 05/06 © - ottobre 2005 - design by creativalab.com