Provincia di FIRENZE
 
  Compagnia   DE BONTEMPO



COMPAGNIA
denominazione DE BONTEMPO
via delle Mulina di S. Andrea 2
comune Firenze
cap 50136
provincia FI
rec. telefonici 055.691380 - 339.5354553
fax
sito internet
mail roberto.picchianti@libero.it



LA COMPAGNIA
storia ed identità

La Compagnia De’ Bontempo viene fondata da Roberto Picchianti nel settembre 1990 presso i locali parrocchiali di S.Antonino a Bellariva. Lo scopo dichiarato dal fondatore è portare il sorriso, cioè il ‘Bontempo’, nelle case di riposo del Quartiere ed oltre. I successi popolari subito ottenuti e ripetuti nei primi anni di attività spingono il gruppo ad affrontare con più decisione i vari teatri pubblici, senza però abbandonare lo scopo principale del fare teatro. Infatti, è ormai tradizione della Compagnia presentare ogni nuovo spettacolo nella Casa di Riposo delle Piccole Sorelle dei Poveri di via Andrea Del Sarto, a Firenze. Nel 1995 con l’iscrizione al TAI la Compagnia assume l’ufficialità a termine di legge, ottenendo i permessi necessari per presentarsi in ogni teatro e nei circoli ricreativi. Tra i molti spettacoli presentati ricordiaom anche la creazione e l'interpretazione di alcune feste di Primavera (Calendimaggio) e i Concerti di Natale con la partecipazione di notevoli artisti, cantanti lirici, attori, musicisti e concertisti di fama internazionale, presso il Salone Auditorium di S. Antonino a Bellariva. Sono ormai tanti i teatri dove la Compagnia ha maturato esperienze preziose, raccogliendo critiche costruttive e lusinghieri riconoscimenti. Circa quarantacinque sono stati gli attori che si sono avvicendati sul palcoscenico fino ad oggi e quattro di essi provengono ancora direttamente dalla prima formazione del settembre novanta.

1991- "Sotto ì pergolato" (Quando l’Arno ‘gliera fatto d’acqua vera), farsa di un prologo, due atti e un quadro di Roberto Picchianti, ambientata alla trattoria del Cigno sull’Arno a Varlungo, nel settembre 1920/25. Palmina, vedova e proprietaria della trattoria del Cigno, ha una figlia, Desolina, che amoreggia con un ‘perdigiorno’, così lo definisce la madre che non vede di buon occhio il giovane. Ferrandino, fattore vedovo di Pozzolatico, ha una figlia, Anchetta, che amoreggia con un ‘possidente da strapazzo’, così dice Ferrandino che ostacola la figlia. I due vedovi vorrebbero risposarsi fra loro, ma trovano le figlie coalizzate contro di loro per ritorsione. Tuttavia, una notte tragicomica e rivelatrice sbloccherà la situazione, dando a Don Settimio i mezzi per accomodare tutto in occasione della Festa dei Lumi (Rificolonata).
1995- "A' tempi di' Granduca", farsa in due atti e due quadri, di Roberto Picchianti. Siamo nel 1795, ai tempi del Granduca Ferdinando III. Cecio, detto Borgetta, lampionaio e procaccino di Troghi, paesino collinare alle porte di Firenze, è addetto ai lampioni del paese. Tutti i giorni si reca a Firenze per svolgervi le commissioni richieste dai paesani. Nel suo ruolo di procaccia viene accompagnato da Lupino, giovane aiutante e discepolo. Cecio conosce tutto del proprio paese e viene coinvolto nelle manovre di tre signore benestanti che vogliono accasare le proprie figlie. Proprio l’arrivo di un viaggiatore, misterioso suo malgrado, reduce da un brutto incontro con tre pendagli da forca che lo hanno lasciato in mutande, scatena le tre mamme, le quali vedono la possibilità di maritare le figlie, ma il viaggiatore misterioso...
"Agriturismo a Villa Carlotta", commedia moderna, romantica e misteriosa in un atto e un quadro, di Roberto Picchianti. L’azione si svolge negli anni novanta. Al compimento dei suoi trent'anni, Fernando entra in possesso di Villa Carlotta, attraverso una strana decisione degli antichi proprietari, poi scomparsi misteriosamente. Con i due soci, i giovani decidono di dare vita ad un Agriturismo, ma durante la visita alla Villa, Fernando e Carlotta scoprono casualmente i diari dei marchesi. La lettura delle pagine provoca strane sensazioni nei due, i quali rimangono coinvolti nel passato dei marchesi. Quando poi il mistero della loro scomparsa appare chiaro ai giovani, questi si ribellano violentemente con Carlotta che inneggia alla vita: sempre!
2002- "Bianco e Corredi" (Sorelle Materassi), tre atti e tre quadri di Roberto Picchianti e liberamente ridotta dal romanzo omonimo di Aldo Palazzeschi, per gentile concessione della Fondazione Palazzeschi, del Dipartimento di Italianistica dell’Università di Firenze e della Arnoldo Mondadori Edizioni di Milano. [Il copione e il CD dello spettacolo sono depositati presso la Fondazione Palazzeschi fra le opere dedicate al grande scrittore fiorentino. Nella vita delle sorelle Materassi, abili ricamatrici e creatrici di splendidi corredi per le signore di Firenze, piomba il nipote Remo rimasto orfano di padre e della sorella Augusta, la maggiore delle sorelle, sposatasi… non un granché! Con il raggiungimento dell’età adulta, Remo si dimostra uno scialacquatore senza il minimo rispetto per le anziane zie, Teresa e Carolina, signorine invecchiate dietro le chimere di vagheggiati corteggiatori, nonché della serva Niobe. Il nipote manda in rovina le due sorelle. Con loro abita anche la sfortunata Giselda, la minore delle Materassi, la quale, lasciata dal marito, è costretta a fare la galoppina di casa, e benché sia l’unica capace di prevedere la tragedia che si profila all’orizzonte, non viene mai ascoltata. Alla fine Giselda, dopo tre giorni di digiuno totale per mancanza di soldi, abbandona le due donne per andare a fare la serva altrove. Intanto Remo sposerà una ricca e sciocca ragazza americana e lascerà le sorelle senza alcun aiuto. Grazie a Niobe che ricerca nelle contadine nuove clienti paganti, le due sorelle ricominceranno a lavorare, ma con i primi soldi incassati decideranno di fare un ingrandimento fotografico del nipote per tenerlo sulla credenza: "così le contadine avranno qualcosa di bello da guardare!
2006- "Fiorina di Vaglia", farsa in un atto di Roberto Picchianti (con suggerimenti di Luana Lapi). Siamo negli anni trenta e Fiorina, ragazza con diverse primavere addosso, viene incaricata dal suo babbo di rimettere a posto i conti della fattoria. La donna è corteggiata da tre anni dal fabbro Demostene, uomo semplice ma di sicuri guadagni. La stessa Fiorina riceve una proposta di matrimonio da parte del marchesino Ludovico Del tonno…’ e diventare marchesa non è cosa di tutti i giorni’, così dice Fiorina riflettendoci sopra. Con la complicità di Dante e Pacchero, la stessa Fiorina scopre le vere mire del marchesino e si decide per Demostene in un finale grottesco con l’intervento della non più, forzatamente muta, Isolina.
“Il vestito nuovo dell'imperatore” di Roberto Picchianti; fiaba per bambini (da H.C.Andersen) un atto in lingua italiana.
“Il Mandringolo” uno o due atti, parodia della Mandragola di N.Machiavelli, di Roberto Picchianti; testo in rime d'epoca Cinquecentesca. La parodia ha i personaggi invertiti nei ruoli, quindi le donne sono diventate uomini e gli uomini donne.
2010 - " Partenza per Viareggio 14 agosto 1957” di e regia di Roberto Picchianti e Luana Lapi. Welcome to the light-powered http://www.hotwatchsale.co.uk T-Touch, with the newer Tissot T-Touch Expert Solar. I've had replica omega watches a love affair with the Tissot T-Touch for well over a decade now (it originally came out back in 1999). Very hublot replica uk few modern watches have remained as cool for as long. The T-Touch is easily the replica rolex watches most popular type of Tissot you'll see on people's wrists www.replicaforquality.co.uk/breitling-replica-uk.html, and many watch lovers have or have had at least one www.waxwatches.co.uk/replica-cartier-watches-sale-for-uk.html. When the Tissot T-Touch originally came out, it was difficult not to be mesmerized by its replica cartier watches sapphire crystal touch screen

   

  PER UNA PIU' ESAURIENTE CONSULTAZIONE DEGLI SPETTACOLI RIMANDIAMO AL SITO WEB:
  
   
   
REFERENTE 1
denominazione Luana Lapi
qualifica Presidente
via delle Mulina di S. Andrea 2
comune Firenze
cap 50136
provincia FI
rec. telefonici 055.691380 - 339.5354553
fax
mail luapi@hotmail.it
REFERENTE 2
denominazione Roberto Picchianti
qualifica fondatore della compagnia e regista
via P. Maroncelli, 11
comune Firenze
cap 50137
provincia FI
rec. telefonici 328.4617554
fax
mail roberto.picchianti@libero.it
     Affiliazioni: TAI

ottimizzato per 800x600 / 1024x768 - COLORI 65.536 - copyright Pupi e Fresedde 05/06 © - ottobre 2005 - design by creativalab.com