Provincia di PRATO
 
  Compagnia   ARTARKE ex-ARCOBALENO JUNIOR



COMPAGNIA
denominazione ARTARKE ex-ARCOBALENO JUNIOR
via Montalese, 327
comune Prato
cap 59100
provincia PO
rec. telefonici 0574.652553
fax
sito internet http://www.artarke.altervista.org
mail artarke@libero.it



LA COMPAGNIA
storia ed identità

Nata nei primi anni '70 da un gruppo di giovani della parrocchia di Maliseti, tra i quali anche l’attuale regista, la compagnia Arcobaleno Junior si definisce puramente "amatoriale" e come tale opera.

In questi anni decine di giovani e meno giovani si sono avvicendati sulla scena con l’unico scopo di socializzare, conoscersi e creare occasioni di incontro e divertimento per il pubblico.

Presentano un repertorio molto vasto che spazia dal dramma al vernacolo, gialli, commedie musicali e recitals, ma anche commedie ideate e sceneggiate da componenti della compagnia. Il loro motto è: "Ciascuno dà il meglio di sé, ognuno di noi è un colore diverso, ma tutti insieme formiamo un Arcobaleno".

- “SE IL TEMPO FOSSE UN GAMBERO” di Garinei e Giovannini

Adattamento in vernacolo toscano e messa in scena nella rassegna teatrale “ Oltre il sipario” del Comune di Agliana sabato 26 Gennaio 2002. Piccolo riassunto: Chi tra voi non ha desiderato almeno una volta di poter tornare indietro nel tempo ed avere la possibilità di cambiare la propria vita con scelte diverse da quelle già fatte? Questo è anche il desiderio di Adelina, la quale non sa che verrà esaudito da Satana in persona che manderà sulla terra un suo “subalterno” (alquanto imbranato e pasticcione) per poter impossessarsi dell’anima della giovane. Tra isilaranti colpi di scena, travestimenti ed inganni, solo l’amore alla fine riuscirà a trionfare sconfiggendo anche i poteri del male.

“LA COLPA E’ DELLA RADIO” di Mario Tiranti
In vernacolo Toscano e messa in scena nella seconda rassegna teatrale in vernacolo “Chi ride campa cent’anni”con il patrocinio della provincia di Prato e del comune di Montemurlo, sabato 20 settembre 2003. Piccolo riassunto: La storia si svolge all’interno di una famiglia patriarcale
fiorentina. La padrona di casa, che rifiuta tutto quello che è modernità e progresso, dirige la casa come avrebbe fatto una sua antica cugina Genoveffa Polverosi nel lontano 1600. Ossessionata dall’intento di trovare nell’albero genealogico della famiglia almeno un componente nobile, costringe il fratello Venanzio e la nipote, eternamente fidanzata con Luigino, ad una vita noiosa e scandita dalle consuetudini. Ma la visita inattesa di una sua compagna di collegio con la sua figliuola, fidanzata con un aviatore, porterà scompiglio nel tranquillo tran tran famigliare e….per colpa della radio….. cassetta infernale simbolo del progresso, anche l’arcigna zia dovrà…..

“L’AVARO” di Molière
 Messa in scena nella 3° rassegna teatrale “Chi ride campa cent’anni” con il patrocinio della provincia di Prato e del comune di Montemurlo, sabato 16 ottobre 2004. Piccolo riassunto:
Nella casa di Arpagone, irriducibile avaro, oltre ai suoi due figli  Cleante ed Elisa troviamo il giovane Valerio, che ha conosciuto Elisa e se ne è innamorato, egli ha architettato, per vivere vicino a lei, di farsi assumere come maggiordomo da Arpagone, ingraziandoselo con l'assecondarlo nella sua folle avarizia. Cleante, da parte sua, sempre in lite col padre che lo tiene troppo corto a denari, si è innamorato di Marianna, una fanciulla dabbene ma ridotta in povertà. Il vecchio Arpagone vorrebbe assegnare Elisa all'anziano signor Anselmo, persona facoltosa che accetterebbe di sposarla senza dote, e destina al figlio una ricca vedova; egli stesso, poi, ha gettato gli occhi sull'ingenua grazia di Marianna, e intriga, valendosi della mezzana Frosina, per
ottenere il consenso della giovinetta e della madre di lei. I figli, da lui informati di questi progetti, sono alla disperazione: lo pseudo-maggiordomo Valerio finge di dar ragione anche in questo ad Arpagone, per meditare qualche stratagemma; mentre Cleante, aiutato dal fido Freccia, sfrontato e astuto valletto, cerca in tutti i modi di procurarsi una forte somma per rendersi indipendente dal padre…
“E DOMANI SI VEDRA’ ovverosia GUERRE IN FAMIGLIA” di Luciano Baroni.
 Messa in scena nella 4° rassegna teatrale “Chi ride campa cent’anni”, sabato 8 ottobre 2005
Piccolo riassunto: Avventure e colpi di scena all’interno di una famiglia fiorentina. Tutto filerebbe liscio se non che la madre, la figlia con relativa famiglia, il figlio bighellone e scansafatiche fanno i “mantenuti”  della figlia più giovane Anna che ha sposato un ricco ingegnere. Il  dramma ha inizio quando, per informazioni poi rivelatesi infondate, vengono a sapere che la figlia Anna ha intenzione di non mantenere più ad ufo i suoi familiari. Disperazione e terrore in famiglia faranno ritrovare la misura giusta a tutta la famiglia, la madre smetterà di
darsi arie da gran signora, la figliola ritroverà la pace con suo marito ed il figlio metterà la testa a posto e si sposerà “finalmente” con una brava ragazza a servizio in quella casa. 

Il 20 maggio 2011 alle ore 21 presso il teatro POLITEAMA di Prato
"VIVA L'ITALIA" scritto e diretto da Pier Luigi Gabbriellini
Con il contributo della regione Toscana e l'ufficio scolastico regionale della Toscana.
E' la storia di una famiglia di cenciaioli Pratesi negli anni compresi fra il plebiscito in Toscana e la proclamazione dell'Unità d'Italia.
Il capofamiglia Agenore, che ha partecipato ai moti del 1849, il suo aiutante Beppe ferito alla testa nella spedizione del Pisacane e rimasto (come diciamo noi toscani) un po' grullo, le 2 figlie innamorate rispettivamente di un ufficiale Borbonico e di un segretario dell'inviato di Cavour a Firenze, daranno vita ad una girandola di situazioni comiche e a tratti toccanti .... il tutto intercalato dall'intervento di personaggi storici del risorgimento in Toscana.

Il 2 luglio 2011 alle ore 21 presso il teatrino "Il Focolare" della parrocchia di Maliseti:
LA ZIA DI CARLO di Brandon Thomas
Commedia esilarante in tre atti
Sono le avventure di tre studenti di un college Inglese, delle peripezie di questi ragazzi per poter conoscere tre ragazze di cui si erano innamorati.
Per "convenienza" saranno costretti a far travestire uno di loro in una vecchia zia (appunto la zia di Carlo)





jordan pas cher , air max bw pas cher , sac longchamp pas cher , nike air jordan pas cher , louboutin uk sale , The watch is powered by caliber replica cartier watches L678 which is a Valjoux 7751. It runs at 4Hz, has a 48-hour power reserve and features replica watches uk chronograph, date, moonphase and a 24 hour indication. The 12-hour counter is at 6 o’clock, the 24-hour indicator http://www.waxwatchreplicas.co.uk/replica-cartier-watches-sale-for-uk.html and the subdial for the seconds at 9 o’clock, as well as the 30-minute counter and the day-and-month display at 12 o’clock. The date is indicated by a half-moon central hand.

   

  PER UNA PIU' ESAURIENTE CONSULTAZIONE DEGLI SPETTACOLI RIMANDIAMO AL SITO WEB:
  http://www.artarke.altervista.org
   
   
REFERENTE 1
denominazione Pierluigi Gabriellini
qualifica organizzatore
via
comune
cap 0
provincia PO
rec. telefonici 0574.652553
fax
mail
     Affiliazioni:

ottimizzato per 800x600 / 1024x768 - COLORI 65.536 - copyright Pupi e Fresedde 05/06 © - ottobre 2005 - design by creativalab.com